Concorso

Proroga scadenza Premio Ciro Siciliano

Prorogata la scadenza del concorso per le scuole premio “Maresciallo Ciro Siciliano - Pace giustizia libertà democrazia –Forno 13 giugno 1944-2017”, che si onora della Medaglia del Presidente della Repubblica e che quest’anno ha una sezione aggiunta del “Premio Bontà” Giuseppe Fuzzetti. La data di scadenza per la presentazione dei manifesti e dei componimenti è fissata mercoledì 10 maggio 2017 entro le 18. Il premio, ideato e organizzato dall’associazione culturale Eventi sul Frigido, è promosso dal Comune con il patrocinio della Provincia di Massa Carrara, della Regione Toscana, dell’Arma dei Carabinieri e della famiglia Siciliano. Ogni anno richiama l’adesione di centinaia di studenti delle scuole provinciali, i quali affrontano il tema della memoria attraverso elaborati scritti, poesie, interviste e disegni grafici. Ricordiamo che tra i manifesti premiati, la giuria del concorso avrà la facoltà di sceglierne uno da utilizzare come manifesto ufficiale della cerimonia commemorativa della Strage di Forno che avvenne il 13 giugno1944.
Per info 320 8336417
(Bando e scheda di domanda si trovano sul sito del Comune)

"I care" - Prima edizione concorso nazionale

Sottopongo alla Vostra gentile attenzione la 1° edizione del concorso in oggetto, intitolato alla memoria di Don Lorenzo Milani, in occasione del 50° anniversario della sua morte.
Il concorso si suddivide in gradi e prevede l'analisi di opere inerenti i seguenti temi: 
a) Sezione Scuola Primaria: “Ma se si perde loro, la scuola non è più scuola. È un ospedale che cura i sani e respinge i malati”;
b) Sezione Scuola Secondaria di 1° grado: “Non c’è nulla che sia più ingiusto che fare parti uguali tra disuguali”; 
c) Scuola Secondaria di 2° Grado: “La scuola ha un problema: i ragazzi che perde”. 
Le scuole che intendono partecipare dovranno far pervenire all'Istituto Comprensivo “Vitruvio Pollione” di Formia temi, opere grafiche, pittoriche, fotografiche, multimediali, video clip (durata massima di 5 minuti), che siano testimonianza di esperienze scolastiche vissute facendo riferimenti ai temi di cui al bando.
All’opera dovrà essere allegato un breve documento che indichi il percorso didattico-esperienziale che ha portato alla realizzazione dell’opera stessa. 
Dovranno altresì essere specificati: i dati anagrafici del referente del gruppo classe; i dati della classe e della scuola; l’indirizzo completo, numero di telefono, e mail, accettazione integrale delle disposizioni del bando.
La scadenza per la presentazione dei lavori è fissata improrogabilmente per il 20 aprile 2017, mentre quella per l'invio della scheda di adesione per il 10 aprile 2017. 
La scheda di adesione potrà pervenire per e mail. I lavori dovranno pervenire per posta a: Concorso “I care” – Istituto Comprensivo “Vitruvio Pollione” Via Emanuele Filiberto, n. 73 04023 Formia (LT).
Saranno premiati i primi 3 classificati per ogni grado di scuola
A tutti gli Istituti partecipanti sarà consegnata una targa ricordo.
La proclamazione dei vincitori e la consegna dei premi avverrà nel pomeriggio del giorno 1 giugno 2017 durante il Convegno Nazionale “I care” che si terrà presso il C.O.N.I. di Formia.

Concorso "Ti racconto l'Africa"

Harambee Africa International Onlus è lieta di presentare la II edizione di «Ti racconto l'Africa», concorso rivolto agli alunni di scuola primaria e secondaria di primo grado, con il proposito di favorire una più approfondita conoscenza dell’Africa e di promuovere accoglienza, condivisione e socialità.
Harambee promuove iniziative di educazione in Africa e sull’Africa: progetti di sviluppo nell’area Sub-Sahariana e attività di comunicazione e di sensibilizzazione nel resto del mondo.
Due le categorie in concorso:
1. Elaborati letterari
Un racconto inedito di non oltre 7.000 battute (spazi inclusi), con ambientazione africana.
2. Elaborati artistici
Un’opera inedita - disegno, dipinto, fotografia, scultura - riconducibile all’Africa.

43° Premio della Bontà "Sant'Antonio da Padova"

Tema: Il virus dell’indifferenza ci fa chiudere occhi e cuore di fronte ai bisogni di chi ci sta accanto. Hai un suggerimento per curare questa malattia e divenire, come dice Papa Francesco, albero di vita, che assorbe l’inquinamento dell’indifferenza e restituisce al mondo l’ossigeno dell’amore?
Bando - Regolamento integrale: scaricabile dal sito associativo www.arciconfraternitasantantonio.org
Destinatari: tutti gli allievi delle scuole primarie e secondarie di I e II grado di lingua italiana, ovunque residenti in Italia e nel Mondo.
Modalità di partecipazione: GRATUITA con invio di un elaborato narrativo/poetico individuale o di un disegno individuale o di un cortometraggio di durata massima di 5 min anche di gruppo.
Scadenza: 26 marzo 2017.
Tra i Premi per i concorrenti: Ospitalità alberghiera a Padova con l’intera famiglia per la cerimonia di premiazione. Medaglie del Santo Padre e Sigilli della Città di Padova per i primi classificati.
Premi per le scuole: Borse di studio con monte premi complessivo fino a  € 3.550.
Cerimonia di Premiazione: sabato 20 e domenica 21 maggio 2017 a Padova.
Per informazioni: Arciconfraternita di S. Antonio di Padova
c/o Scoletta del Santo in P.zza del Santo, 11 – 35123 Padova
Tel. +39 049 / 8755235; E-mail: segreteria@arciconfraternitadelsanto.com
Informazioni e immagini relative alle passate edizioni del premio potranno essere visionate direttamente nel  sito web associativo www.arciconfraternitasantantonio.org alla specifica sezione.

Concorso “Il tempo della poesia. Un viaggio nella vita e nella poesia di Ludovico Ariosto”

Sarà possibile iscriversi fino al 28 febbraio 2017 al Concorso nazionale “Il tempo della poesia. Un viaggio nella vita e nella poesia di Ludovico Ariosto” promosso da Fondazione Banca del Monte di Lucca, dal Comune di Castelnuovo di Garfagnana e dal Miur – Ufficio Scolastico Regionale della Toscana in occasione del V Centenario della I Edizione dell’"Orlando furioso".
Di seguito bando e scheda di iscrizione:

WE_WelcomeEurope, prorogati all'1 marzo i termini del concorso

Termini prorogati fino all’1 marzo per la partecipazione al concorso “WE_WelcomeEurope: speranze e idee per l’Unione del futuro”, il progetto rivolto a ragazze e ragazzi delle scuole secondarie di I e II grado italiane, promosso dal Miur, d’intesa con il Dipartimento per le Politiche Europee della Presidenza del Consiglio dei Ministri, in occasione del 60° anniversario dei Trattati di Roma.
Il termine di presentazione dei lavori era inizialmente fissato al 17 febbraio 2017. Entro questa data, gli elaborati  potranno essere inviati per posta (farà fede il timbro postale).
Dal 18 febbraio all’1 marzo, i lavori dovranno essere trasmessi esclusivamente tramite email all’indirizzo: dgsip.ufficio3@istruzione.it.
Il concorso “WE_WelcomeEurope” propone a studentesse e studenti di esprimere la propria visione di Europa, realizzando un video della durata massima di tre minuti o un album fotografico composto da tre immagini corredate di didascalia. Per farlo potranno utilizzare videocamera, smartphone e programmi di video editing. A disposizione degli studenti, le informazioni e i materiali sul sito istituzionale del Dipartimento per le Politiche Europee (www.politicheuropee.it) e sulla piattaforma digitale Europa=Noi (http://www.educazionedigitale.it/europanoi/).       

Concorso per le scuole “Meno spreco e più risorse per tutti. Impegniamoci nella sostenibilità alimentare” (scadenza candidature: 12/12/2016)

CIPES Toscana, associazione di promozione sociale, propone alle scuole pubbliche e private, dalla primaria, alla secondaria di primo e secondo grado, un bando per la selezione di progetti ed elaborati che perseguano il seguente obiettivo.
Sviluppare la consapevolezza e l’abilità degli studenti riguardo alle abitudini quotidiane che favoriscono il buon uso degli alimenti, in modo da ridurre lo spreco e creare un atteggiamento di solidarietà verso gli altri.
Lo spreco può verificarsi a livello della società lungo la filiera alimentare dalla produzione agricola, quella industriale, l’approvvigionamento, la commercializzazione, il consumo, la gestione dei rifiuti.
Secondo la FAO (FWF 2014) oltre il 30% della produzione mondiale di alimenti anziché essere utilizzato per la nutrizione umana, viene gettato via, ciò ha un grande impatto sull’ambiente anche per la produzione dei rifiuti stessi, poiché se i rifiuti aumentano si ha un aumento di spreco di risorse e di energia.
Accanto alle responsabilità collettive, esistono anche responsabilità personali; le nostre abitudini possono essere orientate in senso positivo, cioè riducendo lo spreco al fine di favorire, attraverso la solidarietà, la ridistribuzione delle risorse perché tutti abbiano la possibilità di nutrirsi in modo adeguato.
I dati odierni sulla malnutrizione nel mondo sono allarmanti: per ogni persona denutrita ce ne sono, anche fra quelle povere, almeno due malnutrite, cioè in sovrappeso o obese. E’ importante che il problema sia condiviso da tutti e che anche i ragazzi abbiano coscienza, sin dalle prime esperienze educative, della responsabilità di ciascuno di favorire la ricerca del bene comune e acquisiscano abilità da tradurre in abitudini quotidiane.
Confederazione Italiana per l’Educazione e la Promozione della salute – Federazione Toscana
Ufficio Stampa Dott.ssa Claudia Librandi e-mail clau.libra511@gmail.com cell. 338 7328778
cipestoscana@gmail.com – cell. 334 9092877
Il buon uso degli alimenti si può attuare attraverso le abitudini quotidiane nelle seguenti fasi:
a) le scelte alimentari del singolo e della famiglia (in Toscana facciamo riferimento alla Piramide Alimentare Toscana della Regione Toscana -PAT- e alla doppia piramide della sostenibilità)
b) la spesa (la sua programmazione creando la lista, la frequenza, la lettura delle etichette vedi libretto Ministero Salute)
c) la conservazione degli alimenti in casa (la dispensa, il frigo: collocazione degli alimenti secondo le scadenze e le caratteristiche; la manutenzione)
d) il consumo e le porzioni a casa e a scuola –alla mensa- (piccole, medie e grandi – vedi atlante fotografico alimentare); il recupero e la ridistribuzione delle eccedenze delle mense
e) gli avanzi e il loro utilizzo a casa e a scuola (ricette tipiche e familiari e la preparazione)
f) l’eliminazione dei rifiuti e il compost (organico, indifferenziati, carta, plastica, vetro, lattine).
Per partecipare al concorso si chiede di compilare e inviare a cipestoscana@gmail.com il modulo di candidatura allegato. Si prega di utilizzare il formato word dal quale la Commissione potrà ricavare i dati relativi alla candidatura. E’ richiesta l’autorizzazione del Dirigente Scolastico.
Scadenze
Si richiede d’inviare, entro il 12 dicembre 2016, il modello di candidatura con la descrizione del progetto educativo messo a punto, l’indicazione del tipo di elaborato che sarà realizzato, in modo che la Commissione di Valutazione dichiari accettata la candidatura ed esprima un primo parere in relazione a:
a) coerenza con l’obiettivo del bando
b) valore educativo – sociale/civico (ripercuotersi positivo delle azioni nella comunità) e qualità della progettazione.
CIPES Toscana, dopo aver preso visione dei progetti educativi, esprimerà alcuni suggerimenti generali per migliorare la qualità degli stessi.
CIPES Toscana offre, agli insegnanti, che ne faranno richiesta, alcuni laboratori sul tema del bando, condotti da professionisti del settore; l’attività sarà realizzata a Firenze nella giornata di venerdì 20 gennaio 2017.
Laboratorio:
Cittadini competenti nella gestione della salute: il percorso di autoconsapevolezza
Buon uso degli alimenti e riduzione dello spreco
Si richiede poi d’inviare, in via definitiva, il modello di candidatura con il progetto educativo nella versione finale e l’elaborato realizzato con la/le classi, entro il 26 aprile 2017.
Tutto il materiale, relativo all’elaborato, dovrà essere inviato in formato multimediale, file da inviare per e-mail, se allegati pesanti contattare cipestoscana@gmail.com per accordi sulle modalità di trasmissione; nel caso ci siano materiali cartacei (tipo cartelloni o altro) occorrerà inviare il file o le foto con le indicazioni specifiche.
La Commissione esprimerà un parere sul progetto e l’elaborato in relazione a:
a) coerenza con l’obiettivo del bando
b) valore educativo – sociale/civico (ripercuotersi positivo delle azioni nella comunità) e qualità della progettazione
c) qualità della comunicazione
d) innovatività e creatività
e) riproducibilità in altri contesti con altri soggetti.
Premiazione
La premiazione sarà realizzata a Firenze alla fine di maggio 2017, in una giornata di studio dedicata alla presentazione dei lavori che saranno stati inseriti nella lista di merito; alle classi vincitrici sarà consegnato un attestato e sarà offerta un’opportunità educativa utile in relazione ai temi del concorso.
Ad ogni livello di scuola potrà essere assegnato, se meritevole, il primo premio.
Esempi di elaborati suggeriti alla scuola primaria
1_creare un gioco (es.: dama, oca … da tavolo o di movimento es.: staffette con assegnazione di cartellini di colore diverso), che coinvolga i ragazzi suddivisi in gruppo che percorrono le tappe rispondendo a quesiti volti a creare consapevolezza rispetto ai temi delle scelte alimentari, dello spreco e del suo impatto ambientale;
2_effettuare una ricerca (es.: presentare cartelloni con i dati dei consumi e dell’eventuale spreco domestico o nella mensa scolastica, indicando i suggerimenti per migliorare la situazione)
3_raccogliere, catalogare le ricette familiari per l’utilizzo degli avanzi…
Esempi di elaborati suggeriti alla scuola secondaria di primo o secondo grado
1_elaborare una campagna pubblicitaria contro lo spreco alimentare
2_ creare un percorso educativo rivolto ai compagni attraverso un video, la fotografia, fumetti o vignette
3_registrare un video come telegiornale che informi sulla sostenibilità, il buon uso degli alimenti, sullo spreco (inviare sempre anche il testo).
4_attivare percorsi fra pari, uno scambio e collaborazione fra classi e scuole diverse (ad es.: attivare un percorso fra Istituti Agrari e Alberghieri…).
Per informazioni scrivere a cipestoscana@gmail.com indicando il nome della Scuola e del docente.
CIPES Toscana ha elaborato una bibliografia e sitografia di riferimento per poter trarre informazioni sullo spreco alimentare e tematiche correlate che sarà fornita a chi ne farà richiesta.

Concorso artistico letterario "Il coraggio della fragilità"

PREMESSA
Il tema della fragilità è un tema universale, ci riguarda e nello stesso tempo riguarda ogni creatura ogni essere umano, è un orizzonte che ci accomuna, e si declina in tanti modi, dalla fragilità dell’essere donna, alle fragilità del corpo nella malattia, della mente, alla fragilità economica dei nostri tempi. Eppure sappiamo che proprio nei momenti nei quali siamo stati o ci siamo sentiti deboli, vulnerabili sono fioriti cambiamenti e possibilità inattese. La Fraternità della visitazione è un luogo dove la frattura della fragilità ( la parola deriva infatti da frangere: dividere) si ricompone e proprio per la sua unicità brilla di una luce autentica e ne diviene forza, tramite i valori della comunione, dell’aiuto, della generosità. Le tre tematiche che faranno da filo conduttore si ricollegano appunto alla scoperta delle potenzialità di ogni umana fragilità.
1. CONOSCERE TE PER CONOSCERE ME
Ognuno è diverso e uguale all’altro, ognuno porta con sé il mondo dei suoi pensieri, il colore della sua pelle, le sue tradizioni, le sue caratteristiche, i suoi sogni. Chi esclude si priva della ricchezza dell’altro, perché in tutti si nasconde un inestimabile tesoro.
2. QUANDO SIAMO FRAGILI È ALLORA CHE SIAMO FORTI
In un mondo che propone l’efficienza e la perfezione come stile, la parola “fragilità” ci fa pensare a un limite, a un fallimento. Ma la fragilità è qualcosa che tutti sperimentiamo. Ci può fermare oppure può diventare una risorsa per scoprire noi e scoprire gli altri.
3. UOMO E DONNA: CAMBIAMO LA STORIA
Da un passato di disuguaglianza a un futuro di parità e dignità. Ancora oggi assistiamo a tante violenze di genere, piccole e grandi. Cambiare direzione è nelle mani di ciascuno di noi.
MODALITÀ
art. 1 - Gratuità
Il Concorso è completamente gratuito e non prevede alcuna spesa d’iscrizione.
art. 2 - Le Sezioni
Il concorso è articolato nelle seguenti sezioni che dovranno svolgersi nel solco delle aree tematiche indicate nelle tracce di cui in premessa.
a) narrativa - un racconto breve inedito dattiloscritto massimo 2 fogli A4, carattere Times New Roman 12.
b) poesia - una poesia inedita dattiloscritta non superiore ai 40 versi carattere Times New Roman 12.
c) pittura – un’opera pittorica, per opera pittorica si intende qualsiasi utilizzo o intervento manuale ad olio, tempera, acrilico, vernice industriale, inchiostro, incisione, grafite, acquerello, vinile, su qualsiasi tipo di supporto anche prestampato; sono ammesse tecniche come collage e applicazioni polimateriche. La misura massima consentita per ogni lato dell’opera è di cm 200.
d) fotografia - fotografie digitali e analogiche, bianco e nero o a colori e tutte le modalità espressive dell’arte fotografica. La misura massima consentita per ogni lato dell’opera è di cm 50x70.
e) video/musica - sono ammesse opere musicali, testi di canzoni, videoarte e animazioni sperimentali, ricerca video, video danza, video teatro, video musicali, video astratti, video ritratti, ritratti di città e simili, fiction esclusa. La durata dei video deve essere al massimo di 3 minuti, di buona qualità su DVD o su chiavetta USB o in formati compatibili con i più diffusi strumenti di lettura.
art. 3 - Partecipanti
Ogni lavoro potrà essere presentato o tramite la scuola o autonomamente a partire dai 18 anni.
• tramite la scuola
• da un singolo allievo
• dalla classe nella sua totalità;
• da un gruppo di studenti appartenenti ad una sola classe;
• da un gruppo di studenti appartenenti a classi diverse dello stesso istituto;
• autonomamente da singoli partecipanti a partire dai 18 anni, anche gruppi informali purchè il referente sia maggiorenne.
E’ possibile partecipare al massimo a due sezioni.
art. 4 - Tema
Il Tema del concorso si declina in 3 tracce, così come indicate in premessa, ogni partecipante o gruppo di partecipanti potrà liberamente aderire ad una traccia nel produrre il proprio lavoro, per la scuola primaria è consigliata la traccia di cui al punto 1 di cui in premessa.
art. 5 - Modalità di invio
Gli elaborati dovranno essere trasmessi entro il termine ultimo del 21 MARZO 2017 alla Segreteria del Concorso al seguente indirizzo:
Diocesi di Fiesole - Uffici Pastorali
Servizio per l’Educazione e la scuola
Via Castelguinelli n.23 – 50063 Figline-Incisa Vald’Arno
Per informazioni rivolgersi alla segreteria del premio
Tel. 055.9154156 il lunedì, martedì, giovedì dalle ore 8,30 – 12,30
Per gli elaborati che lo consentono si invitano le scuole ed i partecipanti singoli a privilegiare l’invio tramite indirizzo di posta elettronica.
Non saranno considerate le opere pervenute oltre il termine indicato per il quale farà eventualmente fede il timbro postale, o l’orario mail.
Ogni elaborato prodotto in duplice copia in forma anonima non dovrà recare quindi indicazione di nominativi individuali o di Istituto e dovrà essere sempre accompagnato dalla scheda di adesione allegata al bando (nelle tre forme previste: lavoro scuola singolo, allegato A – lavoro scuola gruppo, allegato B – lavoro presentazione diretta), allegato B e debitamente sottoscritta.
art. 6 - Selezione dei lavori
Tra tutti i lavori pervenuti una commissione composta da esperti delle varie sezioni, sceglierà i migliori elaborati. Il giudizio della giuria è insindacabile e inappellabile.
art. 7 - Le opere
Le opere inviate per la partecipazione al concorso rimarranno di proprietà dell’Istituzione organizzatrice che se ne riserva il diritto di utilizzazione mediante divulgazione e pubblicazione
art. 8 - Le opere - Individuazione dei Vincitori e Cerimonia di Premiazione
La Giuria ufficiale giudicati i prodotti e selezionati i migliori lavori redigerà la graduatoria dei vincitori, che saranno informati con apposita comunicazione scritta e i cui nominativi saranno divulgati nel sito
art. 9 - I Premi
I premi consisteranno in Medaglie, Targhe ed attestati, libri e “occasioni di crescita”.
art.10 - Accettazione
La partecipazione al concorso implica la tacita e piena accettazione del presente regolamento in ogni suo articolo.
art.11 - Privacy
Ai sensi Decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196 i partecipanti individualmente o le istituzioni scolastiche si impegnano all’ottemperanza della normativa ivi prevista ed autorizzano la segreteria del Premio al trattamento dei dati personali onde permettere il corretto svolgimento delle varie fasi procedurali.

Banca d'Italia - Premio per la scuola "Inventiamo una banconota"

L’INIZIATIVA
Il Premio si propone di coinvolgere gli studenti delle scuole primarie e delle secondarie di primo e secondo grado in un progetto interdisciplinare, integrato nella programmazione didattica, consistente nella realizzazione di un bozzetto di una banconota “immaginaria” al termine di un percorso che metta in rilievo le motivazioni di fondo e le diverse scelte effettuate durante il suo svolgimento.
Gli studenti coinvolti nel progetto, sotto la guida degli insegnanti, potranno confrontarsi e prendere contatto con l’attività di fabbricazione delle banconote nonché arricchire le proprie conoscenze sul biglietto di banca, considerandolo nella sua accezione più ampia quale veicolo di trasmissione di messaggi e di valori e non solo come mero segno monetario.
Per l’anno scolastico 2016-2017, il tema del Premio è “Progettare il futuro; idee per un mondo che cambia”.
Gli studenti e i loro insegnanti dovranno realizzare il bozzetto di una banconota in cui siano immaginati momenti della vita nel futuro.
Il progetto deve rispettare le caratteristiche tecniche fornite, che costituiscono parte integrante del bando.
Il Premio si svolgerà in due distinte fasi e avrà il suo culmine nella cerimonia di premiazione presso il Servizio Banconote della Banca d’Italia in Roma, il Centro di produzione delle banconote in euro.
Partecipanti
La partecipazione è aperta alle scuole italiane in territorio nazionale e all’estero, statali e paritarie, che – laddove interessate alla valenza formativa e didattica dell’iniziativa e nella più piena autonomia – concorreranno ognuna per la propria categoria (scuola primaria, scuola secondaria di primo grado, scuola secondaria di secondo grado).
La partecipazione è riservata alle singole classi, in rappresentanza dell’Istituto di appartenenza. Il concorso è articolato in tre fasce di partecipazione, una per ogni livello di istruzione sopra riportato. Il singolo Istituto potrà partecipare con una sola classe e un solo elaborato per ogni categoria. Il lavoro dovrà essere sviluppato collettivamente dalla classe, sotto la guida e il coordinamento del corpo docente.
Insegnanti
Il ruolo degli insegnanti consiste nella supervisione e nel coordinamento del lavoro della classe, nel preparare e seguire gli studenti orientandoli in ogni fase della “gara”. Determinante sarà il collegamento e l’integrazione del percorso scelto dai partecipanti all’interno delle rispettive progettazioni didattiche. Attraverso l’iniziativa si intende infatti offrire ai docenti la possibilità di svolgere parte del proprio programma didattico e di riservare perciò al suo interno spazi per un percorso interdisciplinare e per un’azione di progettazione comune, sul tema proposto, secondo approcci più congeniali ai propri obiettivi educativi e didattici e alle materie di insegnamento.
Materiale didattico
Per sostenere e indirizzare la classe potranno anche essere utilizzati:
  • materiale informativo sulla gara, reperibile in una sezione del sito web della Banca d’Italia;
  • altro materiale reperibile sul sito della Banca d’Italia.
Strumenti di supporto per le scuole
Le Filiali della Banca d’Italia adotteranno opportune iniziative di presentazione del nuovo Premio per sollecitare la più ampia partecipazione delle scuole presenti sul territorio di competenza, anche organizzando nei propri uffici specifici incontri con i dirigenti scolastici. Inoltre forniranno, ove richiesto, un supporto educativo ai percorsi interdisciplinari individuati dalle classi, anche assicurando la diretta partecipazione ad incontri organizzati presso le scuole.
 
Collegamenti utili e documenti allegati

Concorso nazionale Caritas “La mia vita non è un gioco”

Nell'ambito del Protocollo di Intesa stipulato nel 2014, Caritas italiana e Ministero dell’istruzione, dell’università e della ricerca indicono il Concorso Nazionale “La mia vita non è un gioco”. L’elemento centrale del concorso è far capire ai ragazzi e alle famiglie che il gioco, quello sano, è parte fondamentale della vita, ma anche che un progetto di vita non può basarsi sull’azzardo ma va costruito giorno per giorno con responsabilità, sapendo discernere tra scelte di spesa sicure e il tentare la sorte.
Il concorso è destinato agli studenti delle Istituzioni scolastiche di ogni ordine e grado, in forma individuale o in gruppo, i quali sono invitati a documentarsi nelle nostre pagine al tema. Successivamente, a seguito di una attenta lettura dei materiali informativi, si chiede agli studenti di individuare una o più modalità, di seguito riportate, nelle quali candidare i propri lavori.
Gli studenti in forma individuale o in gruppo potranno partecipare inviando:
  • 1 fotografia,
  • oppure un breve scritto (max. 1.800 battute spazi inclusi),
  • oppure un disegno.
Le foto, gli scritti e i disegni, ognuno del peso massimo di 2 MB, accompagnati dalla scheda di iscrizione (scarica in formato per word), contenente i dati anagrafici dei partecipanti e i dati della scuola di appartenenza, e da un’eventuale altra scheda esplicativa del percorso didattico realizzato. Le schede dovranno essere inviate, entro e non oltre il 30 aprile 2017, alla casella concorso.miur@caritas.it. Ogni email inviata all’indirizzo di posta del concorso potrà contenere un unico elaborato (foto, testo o disegno) e dovrà riportare in oggetto la modalità prescelta e il grado dell’istituzione scolastica di appartenenza.
Tutte le opere inviate resteranno a disposizione della Caritas Italiana e del MIUR che si riservano la possibilità di riproduzione e utilizzo. Il materiale in concorso non verrà restituito.
Ogni ulteriore chiarimento potrà essere chiesto all’indirizzo: concorso.miur@caritas.it, secondo le modalità previste nella Nota prot.n. 7576 del 18 ottobre 2016.

Pagine

Abbonamento a RSS - Concorso
Sito realizzato da Nadia Caprotti nell'ambito del progetto "Un CMS per la scuola" di Porte Aperte sul Web, Comunità di pratica per l'accessibilità dei siti scolastici - USR Lombardia.
Il modello di sito è rilasciato sotto licenza Attribuzione-Non commerciale-Condividi allo stesso modo 3.0 Unported di Creative Commons.
Il sito utilizza alcune clipart del Florida Center for Instructional Technology, College of Education, University of South Florida (rilasciate sotto la Free Classroom License) e clipart del progetto OpenClipart.

CODICE MECCANOGRAFICO MSIC81800C - PARTITA IVA 92018270451