Benvenuti

Istituto Comprensivo Statale
Malaspina-Staffetti

  • Scuola dell’Infanzia di Turano
  • Scuola Primaria di Turano
  • Scuola Secondaria di primo grado Malaspina
  • Scuola Secondaria di primo grado Staffetti

Dirigenza e Amministrazione presso la Scuola Secondaria di primo grado Staffetti


Appuntamenti della Scuola

(Nota: per leggere con più agio i dettagli dei diversi appuntamenti, si consiglia di consultare la pagina Calendario)

18/05/2017 - Pacchetto scuola 2017-2018

Logo del Comune di MassaIl "Pacchetto scuola" è l'incentivo economico individuale finalizzato a sostenere le spese necessarie per la frequenza scolastica (libri scolastici, altro materiale didattico e servizi scolastici) di studenti appartenenti a nuclei familiari in condizioni di difficltà economica. Emanato in base alla normativa sul "Diritto allo studio", il bando  ha lo scopo di garantire l'accesso all'istruzione scolastica, il completamento degli studi fino al termine delle scuole secondarie di secondo grado. 
Il contributo è destinato a studenti di età non superiore a 20 anni residenti nel Comune, ed iscritti ad una scuola secondaria di primo o secondo grado, statale, paritaria privata o degli Enti locali, appartenenti a nuclei familiari con indicatore economico equivalente (ISEE) non superiore all’importo di euro 15.000,00; per tutti gli altri requisiti si rinvia al bando allegato. Non è richiesta alcuna documentazione di spesa.
Per partecipare al contributo è necessario presentare la domanda d’ammissione, con allegata fotocopia del documento di identità del dichiarante, da presentare al Comune secondo una delle seguenti modalità:
- consegnata a mano all’Ufficio Protocollo del Comune di Massa, Via Porta Fabbrica 1 Massa, entro le ore 12.00 del 14 Luglio 2017;
- tramite posta PEC al seguente indirizzo di posta elettronica: comune.massa@postacert.toscana.it, entro il giorno 14 Luglio 2017.
Per ulteriori informazioni ci si può rivolgere al Settore Istruzione, Via Venturini, 5, Massa, tel. 0585 490525-490580-490512.
Allegati:

12/05/2017 - Dalla Malaspina a Dublino

La Malaspina a DublinoDal 9 al 12 maggio gli alunni delle classi II A, II B e III A del plesso Malaspina sono partiti alla volta di Dublino accompagnati dalle professoresse Angelica Arrighi, Anna Maria Biamino, Bianca Maria Ferrari, Roberta Signorino e dal vicepreside Giovanni Vullo. Durante l’anno scolastico, con le professoresse Arrighi, Signorino e Ferrari, le due seconde hanno lavorato al progetto europeo eTwinning, insieme con la scuola partner “Coláiste Éannadi Dublino, che alla fine ha invitato i nostri studenti a farle visita. Il programma della gita è stato intenso e molto interessante.
Il primo giorno è stato occupato dalla visita alla Guinness Store House, dove i ragazzi e le ragazze della Malaspina hanno imparato il procedimento con cui si prepara la famosa birra scura irlandese. Dall’alto dell’ultimo piano della struttura circolare a vetri è stato poi possibile ammirare il panorama completo della città.
Il secondo giorno è stato trascorso presso la scuola gemellata, dove gli studenti delle due scuole hanno interagito, presentando i lavori postati nella piattaforma e partecipando ad attività sportive, come l’hurling, nei loro bellissimi campi da gioco. Gli studenti della nostra scuola sono rimasti entusiasti di questo scambio interculturale e hanno apprezzato l’organizzazione e gli ambienti curati e ben organizzati della scuola dublinese. Sorpresa alla mensa scolastica, dove si è scoperto che il cuoco, Salvatore, è italiano. Al momento dei saluti i ragazzi e le ragazze si sono scambiati i contatti, sperando di poter effettuare uno scambio in famiglia per la prossima estate. Nel pomeriggio visita in O’Connel Street a “The Spike”, una torre di acciaio alta 120 metri e dal diametro di 3 metri alla base e di 15 centimetri alla sommità. Costruita nel 2002, è composta da un totale di 6 sezioni di 20 metri ciascuna ed è la scultura più alta del mondo e rappresenta la lotta tra Irlandesi ed Inglesi per l’indipendenza dell’Irlanda. Tra gli altri monumenti caratteristici di Dublino, gli studenti della Malaspina hanno poi potuto vedere le statue dedicate a James Joyce e ad Oscar Wilde, il Dublin Castle e la Chester Beatty Library, con i suoi preziosi manoscritti, testimonianza di varie religioni. La bellissima giornata di sole ha favorito una gradevole passeggiata lungo il fiume Liffey.
Il terzo giorno, passeggiata lungo la scogliera di Howth con il mare, il faro, il promontorio, le foche, i gabbiani, gli strapiombi e le colline dipinte dal giallo dei fiori: un paesaggio mozzafiato! La fatica della lunga camminata è stata ricompensata da una porzione gigante di fish and chips nei prati antistanti il Castello di Howth.
Ultimo giorno al celeberrimo Trinity College, nella cui Old Library, la biblioteca più grande del paese, sono ospitati in tutto quattro milioni e mezzo di libri. Incredibile la Long Room, una sala lunga 65 metri che alloggia oltre duecentomila volumi! Utilizzata come set cinematografico per i film di Harry Potter e di Star Wars, la Long Room si sviluppa su due piani ed è adornata da busti in marmo. Lì si trova il libro forse più famoso dell’intera Irlanda: il celebre “Book of Kells”, manoscritto miniato dei quattro vangeli, scritto in latino e riccamente decorato. Dopo aver ammirato nella National Gallery opere di artisti famosissimi come Picasso, Renoir, Monet e Van Gogh, ultimo pomeriggio dedicato allo shopping di souvenir irlandesi con il caratteristico trifoglio e l’arpa celtica.
È stata una gita bellissima e ben riuscita che tutti i ragazzi e i docenti ricorderemo di sicuro con piacere.
Un grazie per l’accoglienza ricevuta al principal del Coláiste Éanna, Mr Brendan Mc Cauley, e alla cofondatrice di questo progetto eTwinning, la professoressa Hilary Kenefick.
Viva l’eTwinning!

11/05/2017 - Un indimenticabile viaggio a Londra

Davanti al Big BenDall'otto all'undici maggio, le classi III A e III G del plesso Staffetti, accompagnate dalle docenti Federica Bigarani, Stefania Bertoneri e Giusi Benedetti sono partite da Pisa alla volta della capitale del Regno Unito.
Il viaggio d'istruzione è stato bellissimo e di alto valore formativo, in quanto gli alunni si sono immersi completamente nel mondo anglosassone, negli usi, costumi, tradizioni, colori, profumi, sapori della città, avendo modo di confrontarsi direttamente con la cultura dell'Inghilterra e mettendosi alla prova nel comunicare in lingua inglese.
Arrivati nella città, la prima tappa è stata Buckingham Palace, la residenza londinese della famiglia reale. Il Palazzo ha 600 stanze e 16 ettari di parco e ogni giorno alle 11:30, sul piazzale del palazzo, si svolge una delle cerimonie più conosciute e fotografate del mondo: il cambio della guardia.
Dopo la passeggiata nel verde di St James Park, i ragazzi si sono recati davanti all'imponente torre del Big Ben, con il suo famoso orologio, che segna il tempo a Londra fin dalla metà dell'Ottocento. I nostri ragazzi sono rimasti affascinati dalla bellezza del Palazzo di Westminster, conosciuto anche come la Casa del Parlamento, e dalla Westminster Abbey, uno dei luoghi più sacri e simbolici di Londra.
È stato bellissimo ammirare tutto ciò da una delle sponde del Tamigi, con in lontananza la London Eye che si erge maestoso sulla città.
Poi via di corsa nel cuore della City, a Piccadilly Circus, dove un tripudio di luci, colori, suoni li ha avvolti e frastornati. Certamente, qui non poteva mancare un po' di shopping nei tanti negozi  che si affacciano sulla piazza.
La seconda tappa è stata a Trafalgar Square, il centro di Londra, dove i Londinesi si ritrovano per gli avvenimenti importanti.
Ma il primo giorno non era ancora finito! Il delizioso e piacevole Covent Garden, cuore della Londra turistica, attendeva i ragazzi.
Lì i nostri alunni si sono immersi tra  bancarelle e negozi, ammirando i pub, i caffè all'aperto e godendosi gli spettacoli dei tanti artisti di strada che si esibiscono in quel quartiere.
La giornata si è conclusa in un ristorante della zona dove hanno assaggiato i tipici fish and chips, poi tutti a letto, stanchi e soddisfatti di questo primo intenso giorno di vacanza.
Il secondo giorno è iniziato con la visita alla Tower of London con la sua storia cupa, cruenta, ma affascinante.
I ragazzi hanno visitato questo luogo sede di intrighi, omicidi e cospirazion, che è anche il castello meglio conservato di Londra.
Non poteva mancare l'ingresso alle Waterloo Barracks, dove sono conservati i gioielli della corona e lì, trasportati da un tapis roulant, hanno ammirato scettri, piatti, globi e, ovviamente, corone.
La visita è poi continuata nella White Tower, dove sono esposte armature per uomini e cavalli e, tra i pezzi più interessanti, la possente armatura di Enrico VIII.
Dopo aver attraversato il Tower Bridge, con le sue torri neogotiche e i cavi portanti blu, i nostri alunni hanno  passeggiato sulla sponda del Tamigi per vedere da vicino la City Hall, la moderna struttura in vetro somigliante ad un uovo obliquo sede del Municipio.
A questo punto non poteva mancare la sosta davanti alla cattedrale di St. Paul, uno degli edifici più famosi di Londra, con la sua cupola da cui si gode uno tra i più bei panorami della città.

11/05/2017 - Il premio del Rotary ai nostri giornalisti

Premio RotaryAnche quest'anno una bella soddisfazione per i nostri giovani giornalisti, il cui lavoro è stato riconosciuto meritevole di un premio dal Rotary Club.
Stamani, nella usuale cornice festosa che anche quest'anno ha chiuso la quindicesima edizione del Campionato di Giornalismo organizzato dal quotidiano «La Nazione» per le scuole medie della nostra provincia, a fare gli onori di casa c'erano Marzio Pelù con Andrea Luparia della redazione di Massa Carrara de «La Nazione» e gli assessori del Comune di Massa Elena Mosti e Giovanni Rutili. Sono intervenuti Mario Abrate il direttore dell'Istituto Penale Minorile Femminile di Pontremoli e i rappresentanti degli sponsor: oltre ai membri del Rotary Club erano presenti Umberto Rossi per l'Automobile Club Massa Carrara e Andrea Musso e Sergio Andreoni del Conad.
In una sala consiliare piena di ragazzi e di ragazze, una rappresentativa del Laboratorio di Giornalismo guidata dal professor Federico Guidotti e accompagnata dal giornalista Alberto Sacchetti ha ricevuto dalle mani di Marcello Tromboni e Pina Bigini, in rappresentanza del Rotary Club Marina di Massa Riviera Apuana del Centenario, il premio in riconoscimento della pagina dedicata alle dipendenze da smartphone.
Per pochissimo è invece sfumato quest'anno il premio Superclick, visto che l'altra pagina elaborata dai nostri studenti ha ottenuto 1150 preferenze, solamente 5 voti in meno rispetto alla prima classificata!
Questi sono i nomi degli studenti e delle studentesse che, all'interno del Laboratorio di Giornalismo e in collaborazione con il Laboratorio dei Linguaggi Audiovisivi guidato dalla professoressa Lorenza Corsetti, hanno preparato le due pagine che hanno partecipato alla sfida: Gaia De Angeli, Daniele Fruzzetti, Luca Fruzzetti, Flavia Gallo, Lorenzo Gasperini e Valentina Giusti (classe I A); Nicola Fruzzetti e Alessio Lorenzini (classe II A); Enrico Accarino, Alessandro Baratto, Alice Bertelloni, Jacopo Falossi, Giulio Gallo, Enrico Lazri, Alen Marku, Niccolò Mansani, Federico Mazzanti, Aurora Mazzei, Filippo Navari, Alessio Ricci e Luca Tragni (classe III A) del plesso Malaspina.
Per concludere: un grazie da parte della nostra scuola agli organizzatori del concorso, agli sponsor e a tutti coloro che hanno votato i nostri articoli.
Qui si può leggere il resoconto pubblicato sul sito de «La Nazione», dal quale anche è tratta la foto di Paola Nizza che illustra l'articolo.

09/05/2017 - Quattro passi nel Levante ligure

L'abbazia di San FruttuosoQuattro splendide località della riviera ligure di levante sono state oggi la meta della gita che ha visto coinvolti le classi I A e I E e alcuni studenti della classe II B del plesso Malaspina, accompagnati dai docenti Alice Bertoncini, Lorenza Corsetti, Daniela Del Sarto, Laura Gianfranceschi e Federico Guidotti.
Arrivati a Camogli di prima mattina, gli studenti hanno potuto passeggiare per l'antico borgo marinaro e visitare la sontuosa Basilica di Santa Maria Assunta. Dopo aver ammirato dal piazzale prospiciente il medievale Castel Dragone le acque trasparenti del Golfo del Paradiso, le ragazze e i ragazzi della Malaspina si sono imbarcati per la seconda tappa dell'escursione: l'abbazia medievale di San Fruttuoso.
Donata dalla famiglia Doria Pamphilj al FAI, l'abbazia è stata recuperata con un complesso intervento di restauro ed è oggi visitabile dai turisti. Grazie alle spiegazioni della guida, i nostri studenti sono venuti a conoscenza della storia dell'antico monastero e ne hanno visitato tutti gli affascinanti ambienti: dal chiostro alla chiesa primitiva, dalle tombe degli umili monaci alle tombe dei Doria.
Dopo un veloce pranzo al sacco sulla spiaggia di San Fruttuoso, i giovani turisti sono risaliti sul traghetto che li ha portati a Portofino, dove, guidati dai loro insegnanti, sono arrivati fino al Faro, dal cui belvedere hanno potuto godere di una straordinaria vista sul Golfo del Tigullio.
Tornati alla famosissima Piazzetta, gli studenti hanno preso il loro ultimo traghetto che li ha condotti a Santa Margherita Ligure, dove, oltre a percorrere le strade su cui si affacciavano molti palazzi decorati a trompe-l'œil, si sono potuti dedicare all'acquisto di souvenir.
L'album fotografico della gita è visibile qui.

05/05/2017 - Relax e cultura all'Isola del Giglio per la I C e la I F della Malaspina

Saluti dall'ArgentarioIl 4 e il 5 maggio, accompagnati dai docenti Paola Biagioni, Carmen Menchini, Pierandrea Poma e Giada Torre, le classi I C e I F del plesso Malaspina hanno visitato la Maremma toscana e la splendida isola del Giglio.
Il primo giorno i ragazzi hanno potuto ammirare la cittadina di Orbetello e il Tombolo della Feniglia, uno dei due cordoni dunali che uniscono l’Argentario alla terraferma. L’avventurosa escursione, complice la bellissima giornata, si è rivelata bellissima e i ragazzi, con la guida della dolcissima Andreina, hanno potuto attraversare il parco attraverso un sentiero che si snoda all’interno di una pineta quasi incontaminata. Non è stato possibile avvistare animali selvatici, ma è stato possibile osservare invece, dai comodi capanni di avvistamento, numerose specie di uccelli migratori.
Nel pomeriggio, dopo il pranzo al sacco, in pineta vicino al mare e dopo giochi di vario genere, i ragazzi hanno potuto visitare Porto Ercole, una frazione del monte Argentario, che, con Porto Santo Stefano, costituisce uno dei due centri abitati maggiori che formano il cosiddetto comune-promontorio. Alla vigilia della festa denominata “La notte dei pirati”, i ragazzi hanno potuto osservare i preparativi dell’evento che rievoca il periodo degli attacchi dei pirati a Porto Ercole e respirare un’aria festosa e surreale, in un paese “invaso” da bandiere piratesche, da vecchi fucili e da un galeone ormeggiato nel porto.
La gita d’istruzione è proseguita il giorno dopo con il trasferimento via mare all’Isola del Giglio, con partenza da Porto Santo Stefano. Dopo la visita a Giglio Castello con la guida Andreina per conoscere un po’ di storia dell'isola, tutti al mare per un momento di relax, gioco, e per fare il bagno tutti insieme.
In tarda serata rientro a Massa.
I trentanove ragazzi hanno dimostrato interesse per i luoghi visitati, si sono molto divertiti e hanno socializzato in maniera spontanea nonostante le due classi non avessero precedentemente partecipato ad attività in comune.
È stata un’esperienza positiva che, senza dubbio, occorre ripetere.

05/05/2017 - La Malaspina in Maremma e all'Isola del Giglio

Gita in Maremma e all'Isola del GiglioSono rientrati stasera, dopo tre intense giornate trascorse nel Sud della Toscana, le studentesse e gli studenti delle classi II C e II E del plesso Malaspina, accompagnati dai loro docenti Daniela Del Sarto, Gabriella D'Onofrio, Federico Guidotti e Maria Riccarda Panighini.
La mattina di mercoledì 3 maggio le ragazze e i ragazzi, con la guida Andreina, hanno visitato Orbetello, antica capitale dello Stato dei Presidî, e la sua laguna; dopo una sosta al convento dei Padri Passionisti all'Argentario, il pomeriggio è stato dedicato alla visita del tombolo della Feniglia e di Porto Ercole, dove è stato possibile anche soffermarsi davanti al mausoleo dedicato al Caravaggio, che proprio in questi luoghi perse la vita.
La giornata di giovedì è stata tutta impegnata nella visita dell'isola del Giglio. Lì la guida Roberta ha illustrato sia le caratteristiche della flora e della fauna locali, sia la storia dell'isola, dalla dominazione di Roma, testimoniata dai resti di una villa romana, al culto di San Mamiliano, fino alle ripetute e drammatiche incursioni dei pirati saraceni, l'ultima delle quali avvenuta nel 1799.
La gita si è conclusa oggi con la visita del Parco Regionale della Maremma. Sempre accompagnati da Roberta, le ragazze e i ragazzi della nostra scuola hanno seguito un percorso storico naturalistico che li ha portati dai pascoli delle vacche e dei cavalli maremmani, fino ad alcune grotte calcaree e da lì, seguendo un tratto del Canale Scoglietto e passando sotto la Torre di Castel Marino, fino alla Torre di Collelungo, sotto la quale chi ha voluto ha fatto il bagno nelle acque limpide della Maremma. Lungo il cammino Roberta ha potuto mostrare tartarughe d'acqua dolce e testuggini, scarabei stercorari e volpi, mirto e lentisco, liquirizia, pini silvestri e domestici: piante e animali che forse, d'ora in poi, per le studentesse e gli studenti che hanno seguito con attenzione le spiegazioni della guida, non saranno più dei semplici nomi!
L'album fotografico della gita è visibile qui.

29/04/2017 - Vacanze Romane!

Il palazzo del QuirinaleNei giorni 26, 27, 28 e 29 aprile, le classi II D, II E, III E e III F del plesso Staffetti accompagnate dalle docenti Giovanna Ballerini, Paola Barattini, Aldalisa Nardini, Monica Ferrari e Elena Belligi, hanno partecipato a un viaggio di istruzione a Roma, al Monte Soratte e a Tolfa.
Come prima tappa del viaggio, le classi hanno visitato una costruzione molto particolare, il bunker scavato nel monte Soratte tra il 1937 e il 1943 dal Genio Militare Italiano, con gallerie di oltre 4,2 km, interamente scavate nel calcare. Il bunker venne occupato dopo l’8 Settembre del ’43 dalle truppe tedesche e rimase operativo fino al giugno 1944. Poi, alla fine degli anni ’60, una parte venne trasformata in rifugio antiatomico per il Governo Italiano.
Il giorno seguente, a Roma, gli studenti hanno visitato le Catacombe di S. Callisto. Le catacombe, sorte verso la fine del II secolo, con alcuni ipogei cristiani privati e da un'area funeraria direttamente dipendente dalla chiesa romana, fanno parte di un complesso cimiteriale che occupa quindici ettari e raggiungono una lunghezza di quasi venti chilometri. Nelle  gallerie trovarono sepoltura più di cinquanta martiri e sedici pontefici.
Particolarmente emozionante, poi, è stata la successiva visita al Mausoleo delle Fosse Ardeatine.
Nonostante il tempo a tratti inclemente, gli studenti  hanno poi potuto fare un tour guidato di alcuni fra i luoghi più significativi della Capitale: Piazza Navona, S. Luigi dei Francesi, Pantheon, Largo Argentina, Campidoglio, il Ghetto con il Teatro di Marcello. Sotto la guida sapiente della professoressa Ferrari, poi, la giornata si è conclusa con le Terme di Caracalla.
Il giorno dopo, il gruppo Staffetti ha visitato la Villa d’Este a Tivoli, capolavoro del Rinascimento italiano e nella lista dei patrimoni dell'umanità dell'UNESCO. La villa fu fatta costruire intorno al 1550 dal cardinale Ippolito II d'Este su un sito già anticamente sede di una villa romana. Lo splendido giardino, opera di Pirro Ligorio, si estende a partire dalla facciata posteriore della villa, rispetto all'ingresso attuale del palazzo,  è articolato fra terrazze e pendii, con un asse longitudinale centrale e cinque assi trasversali principali, ed è famosissimo per i suoi giochi d’acqua e le altre meraviglie artistiche.
Nel pomeriggio, ancora con la guida della professoressa Ferrari, gli studenti si sono recati alla Villa Adriana, sempre a Tivoli, residenza imperiale extraurbana realizzata dall'imperatore Adriano (76-138). Realizzata gradualmente nella prima metà del II secolo a pochi chilometri dall'antica Tibur, la struttura è un ricco complesso di edifici estesi su una vasta area. Nel 1999, Villa Adriana è stata dichiarata Patrimonio dell'umanità dall'UNESCO.
Molto interessante è stato anche il tour guidato del Palazzo del Quirinale, che dal 1870 fu la residenza ufficiale del Re d'Italia e dal 1946 del Presidente della Repubblica Italiana. È uno dei simboli dello Stato italiano. Il Palazzo del Quirinale è unico al mondo perché dal 1583 è stato sede della massima autorità: nessun altro palazzo al mondo può vantare un tale spessore cronologico.
Durante la visita, dove un gruppo di studenti ha avuto la possibilità di assistere all'atterraggio dell’elicottero presidenziale e di vedere il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella.

Pagine

Abbonamento a Feed prima pagina
Sito realizzato da Nadia Caprotti nell'ambito del progetto "Un CMS per la scuola" di Porte Aperte sul Web, Comunità di pratica per l'accessibilità dei siti scolastici - USR Lombardia.
Il modello di sito è rilasciato sotto licenza Attribuzione-Non commerciale-Condividi allo stesso modo 3.0 Unported di Creative Commons.
Il sito utilizza alcune clipart del Florida Center for Instructional Technology, College of Education, University of South Florida (rilasciate sotto la Free Classroom License) e clipart del progetto OpenClipart.

CODICE MECCANOGRAFICO MSIC81800C - PARTITA IVA 92018270451