Autorizzazione all’uso dei cookie

Tu sei qui

La Malaspina in viaggio nel tempo a Berlino

Contenuto in: 
Al Neues Palais nel Parco di Sanssouci a PotsdamLa meta della gita delle studentesse e degli studenti delle classi III C e III E della Malaspina, accompagnati dai docenti Paola Biagioni, Maria Lucia Cancellara, Gabriella D’Onofrio e Federico Guidotti, è stata quest’anno Berlino.
Centro mercantile nel Basso Medioevo, capitale prussiana all’inizio del Settecento, capitale del secondo impero tedesco nella seconda metà dell’Ottocento, capitale del nazismo dal ’33 al ’45, capitale divisa di due repubbliche contrapposte durante gli anni della guerra fredda, infine capitale di uno dei più importanti Stati dell’Unione Europea oggi, Berlino si è offerta alle ragazze e ai ragazzi della Malaspina con le sue ricchezze artistiche, con la sua viabilità moderna, con i suoi giganteschi centri commerciali, con le sue vie eleganti, con i suoi locali che servono berlinesissimi currywurst, oppure cibo etnico proveniente da tutto il mondo, ma anche con le testimonianze della sua recente e tragica storia; una storia che è anche nostra, perché, italiani e tedeschi, siamo tutti cittadini d’Europa.
La visita è iniziata la sera dell’8 maggio, con l’arrivo all’aeroporto di Berlino-Schönefeld e il trasferimento in albergo, situato a pochi passi dall’elegante Kurfürstendamm.
Il secondo giorno del viaggio di istruzione a Berlino è iniziato con la visita della celeberrima Porta di Brandeburgo e, a pochi passi, del Memoriale per gli ebrei assassinati d'Europa. Dopo il pranzo all’interno della gigantesca Mall of Berlin, la passeggiata è proseguita nel pomeriggio con la visita all’esposizione permanente “Topografia del Terrore” nei luoghi in cui sorgevano sia il quartier generale della Gestapo, sia quello delle SS, tragici ricordi della Berlino assoggettata al nazismo. Dopo una sosta di fronte alla statua dedicata a Marx ed Engels, i ragazzi e le ragazze hanno raggiunto l’ultima meta della giornata: l’Isola dei Musei. Lì hanno visitato il Pergamonmuseum, dove, tra le altre cose, hanno potuto ammirare la splendida ricostruzione della Porta di Ishtar, e la Alte Nationalgalerie, dove sono conservati dipinti di scuola tedesca del XIX e del XX secolo – tra cui la famosa “Isola dei morti” di Böcklin e diverse opere di Friedrich – ma anche quadri di famosi impressionisti e post-impressionisti (Monet, Manet, Renoir, Cézanne, Degas, Gauguin, Toulouse-Lautrec, Segantini…), alcune sculture neoclassiche di Thorvaldsen e “Il pensatore” di Rodin.
Il venerdì è stato dedicato al campo di concentramento e di sterminio di Sachsenhausen. La visita guidata di quello che fu il modello di tutti i campi di sterminio nazisti è stata resa preziosa dall’intelligente e appassionata guida di due giovani italiani che vivono a Berlino: Jacopo e Majla. Grazie a loro le fotografie, le stanze e i muri delle baracche, il prato dell’appello, i resti delle docce dove veniva praticata la “soluzione finale” contro il popolo ebraico sono diventati viva testimonianza dell’orrore di una storia che non deve ripetersi.
Nel pomeriggio, visita alla East Side Gallery, una lunga sezione del muro ricoperta da murales dipinti nel 1990 da artisti provenienti da tutto il mondo per festeggiarne la caduta. Tra questi i famosi “The Mortal Kiss” di Dimitrji Vrubel, che raffigura Erich Honecker e Leonid Breznev che si baciano sulla bocca, e “Test the Best” di Birgit Kinder, che mostra una Trabant che esce dal muro.
Sabato trasferta a Potsdam, dove i ragazzi e le ragazze hanno potuto visitare il Parco di Sanssouci. Lì hanno visto il Neues Palais, dove l’ultimo imperatore tedesco Guglielmo II amava trascorrere l’estate, il Tempio dell’Amicizia, dedicato da Federico il Grande alla sorella Guglielmina, l’esotico Padiglione Cinese e, soprattutto, lo splendido Castello di Sanssouci, l’edificio dove nel Settecento l’imperatore Federico il Grande accoglieva i suoi ospiti, tra cui il grande filosofo Voltaire e il compositore Johann Sebastian Bach, raccoglieva i dipinti dell’amato Watteau, leggeva i libri della sua biblioteca personale, componeva musica e suonava il flauto con una piccola orchestra da camera.
La mattina di domenica, salto nel tempo e ritorno agli anni Sessanta e Settanta del secolo scorso con la visita al Museo della DDR, ovvero della Repubblica Democratica Tedesca: vedere e, letteralmente, toccare dal vivo come si viveva nell’ex Germania Est, in un paese di quello che fu il “blocco sovietico”, è stato sicuramente il complemento più efficace alle pagine del libro di storia studiato a scuola.
Nel pomeriggio visita all’Olympiastadion che nel 1936 ospitò le Olimpiadi fortemente volute dal regime nazista e che vide le imprese sportive del velocista afroamericano Jesse Owens. Occorre dire che molti degli studenti ricordavano lo stadio soprattutto per un evento sportivo un po’ più recente, ovvero la vittoria della squadra nazionale di calcio in occasione dei campionati mondiali del 2006…
Dopo cena la gita a Berlino si è chiusa splendidamente con la visita al Palazzo del Reichstag, oggi sede del Bundestag, il Parlamento Federale Tedesco, e della sua cupola in vetro e acciaio realizzata dall’architetto Norman Foster. Dalla terrazza panoramica è stato possibile ammirare dall’alto i monumenti più importanti di Berlino illuminati dalle luci della sera.
Prima di tornare in albergo, visita notturna alla Porta di Brandeburgo a segnare idealmente la fine della visita alla città proprio con il monumento con cui era iniziata.
Il 13 maggio, fatto il pieno di monumenti storici e di bellezze artistiche, spazio allo shopping al Kaufhaus des Westens (o, più semplicemente, KaDeWe), uno dei centri commerciali più antichi (1907) e più grandi (il primo per estensione nell’Europa continentale) di Berlino, prima del viaggio di ritorno a Massa.
Sito realizzato da Nadia Caprotti nell'ambito del progetto "Un CMS per la scuola" di Porte Aperte sul Web, Comunità di pratica per l'accessibilità dei siti scolastici - USR Lombardia.
Il modello di sito è rilasciato sotto licenza Attribuzione-Non commerciale-Condividi allo stesso modo 3.0 Unported di Creative Commons.
Il sito utilizza alcune clipart del Florida Center for Instructional Technology, College of Education, University of South Florida (rilasciate sotto la Free Classroom License) e clipart del progetto OpenClipart.

CODICE MECCANOGRAFICO MSIC81800C - PARTITA IVA 92018270451