Autorizzazione all’uso dei cookie

Tu sei qui

e-Twinning alla Malaspina: uno strumento chiave per l’educazione interculturale

Contenuto in: 
HERstory per e-TwinningAnche quest’anno, per il terzo anno consecutivo, le classi seconde delle sezioni A e B della Malaspina, coordinate dalle professoresse Angelica Arrighi, Lorenza Corsetti e Roberta Signorino sono state impegnate nell’attuazione di un progetto e-Twinning, ovvero il gemellaggio virtuale con alcune scuole europee.
Quest’anno il progetto ha coinvolto, oltre alla nostra scuola, l’Istituto Comprensivo Statale "Piazza Winckelmann" di Roma, la "Szkola Podstawowa" di Trzemeszo in Polonia e l’"OS Ivana Kukuljeva Sakcinskog" di Ivanec in Croazia.
Le ragazze e i ragazzi hanno lavorato insieme, da novembre a maggio, ad un progetto dal titolo “HERstory: remarkable women in our countries’ local and national history”.
Prendendo spunto dal libro “Storie della buonanotte per bambine ribelli”, fenomeno letterario degli ultimi anni, ogni scuola aveva il compito di scegliere alcune figure femminili particolarmente significative nella propria storia nazionale e locale e raccontare le loro storie in maniera creativa sulla piattaforma Twinspace, utilizzando webapp tra le quali Padlet, Storyboard, Adobe Spark, Voki e Google Slides. L’uso attivo delle nuove tecnologie e della lingua inglese ha fatto la differenza e ha contribuito ad ampliare questi confronti, dando agli alunni la possibilità di comunicare con i coetanei, interagendo anche nei forum su temi quali la scuola, gli hobby, lo sport e i gusti musicali.
La finalità del progetto, oltre a quella di incoraggiare l’interazione con scolaresche straniere, è stata lo sviluppo delle competenze chiave di cittadinanza e la sensibilizzazione delle studentesse e degli studenti ai temi delle pari opportunità, dell’inclusione e del rispetto della diversità in tutte le sue accezioni.
Una delle fasi più emozionanti è stata la realizzazione di un cortometraggio sulla vita di Bebe Vio, con l’amichevole collaborazione della Società Schermistica Massese. Alcune ragazze della classe II B si sono improvvisate sceneggiatrici, scenografe, costumiste, truccatrici e attrici e hanno rievocato, in lingua inglese, i momenti salienti della vita di questa grande campionessa.
Le ragazze e i ragazzi delle quattro scuole hanno inoltre svolto attività legate a giornate importanti quali la Giornata Mondiale contro la Violenza sulle Donne e la Festa della Donna. Per quest’ultima occasione i ragazzi hanno donato delle “mimose virtuali” alle compagne delle altre scuole partner, accompagnate da messaggi di auguri.
Un’altra attività è stata una gara per la creazione del logo del progetto, con la collaborazione del professor Ugo Carattini.
Gli alunni si sono dimostrati molto motivati e hanno lavorato anche oltre l’orario scolastico con entusiasmo per ultimare presentazioni, fumetti e video. La partecipazione attiva degli studenti e il coinvolgimento emotivo, assieme all'entusiasmo di entrare in contatto con compagni che vivono in paesi diversi, ha contribuito grandemente alla riuscita del progetto, grazie al quale i nostri allievi hanno potuto mettere in campo abilità e talenti che a volte è difficile far emergere con strumenti didattici e di verifica più tradizionali.
Confrontare con compagni di altre nazionalità abitudini, contesti, mentalità, preferenze e altro permette agli alunni non solo di scoprire nuove realtà e di accrescere le proprie conoscenze, ma li aiuta anche a comprendere meglio il proprio ambiente.
E così i nostri alunni sono stati orgogliosi di presentare ai coetanei europei le storie esemplari della scienziata premio Nobel Rita Levi Montalcini, della pedagogista Maria Montessori, delle imprenditrici Pertini, della giornalista Letizia Leviti e della ex studentessa della Malaspina, ora scienziata negli Usa, Anna Tenerani, di Adelina Guadagnucci, delle atlete Bebe Vio e Francesca Piccinini, mentre dalla Polonia e dalla Croazia arrivavano storie come quelle della scienziata Maria Sklodowska Curie, della regista Agnieszka Holland, della scrittrice Ivana Mazuranic e della sciatrice Janica Kostelic.
Il progetto si è concluso con una poesia dedicata alle donne liberamente e coralmente scritta da tutti gli alunni delle quattro scuole e con uno slide show che riassumeva in poche immagini l’importanza della donna nella società antica e moderna.
Nel mondo tormentato in cui viviamo, educare all’apertura, al rispetto e alla comprensione della diversità è sicuramente l’obiettivo più importante ed e-Twinning si è rivelato, ancora una volta, strumento fondamentale per il suo raggiungimento.
Grazie e-Twinning!
Sito realizzato da Nadia Caprotti nell'ambito del progetto "Un CMS per la scuola" di Porte Aperte sul Web, Comunità di pratica per l'accessibilità dei siti scolastici - USR Lombardia.
Il modello di sito è rilasciato sotto licenza Attribuzione-Non commerciale-Condividi allo stesso modo 3.0 Unported di Creative Commons.
Il sito utilizza alcune clipart del Florida Center for Instructional Technology, College of Education, University of South Florida (rilasciate sotto la Free Classroom License) e clipart del progetto OpenClipart.

CODICE MECCANOGRAFICO MSIC81800C - PARTITA IVA 92018270451